Cluster del Caffè: 'dalla terra alla tazzina'

Milioni di persone nel mondo lo lavorano, milioni di persone nel mondo lo bevono

    icona css3menu.com  icona css3menu.com
Expo Milano 2015


Il caffè. Quante storie intorno a un caffè. Quanti momenti di condivisione, di scambio di idee, quante pause, quanti sorsi bevuti in solitudine.

    A casa, a lavoro, nei caffè e nei bar, si consumano milioni e milioni di tazzine. Eppure sappiamo da dove proviene il nostro caffè? Sappiamo quante persone ci lavorano dietro?

    Oppure forse ha ragione Sebastião Salgado, famoso fotografo brasiliano, presente nel Cluster del caffè con una emozionante mostra fotografica: "Profumo di sogno". Molti pensano che il caffè si produca dietro il bancone di un bar, nei magazzini dei supermercati, afferma.

    Il caffè che beviamo proviene da tanti paesi del mondo. La miscela che assaporiamo al mattino ha percorso migliaia di chilometri prima di raggiungerci. Ci hanno lavorato milioni e milioni di persone. Il caffè muove una economia seconda solo al petrolio quanto a volume di scambi monetari, per i paesi produttori.

Il Cluster del caffè: architettura di un padiglione

Il visitatore è accolto nell'area esterna dalle piante di caffè, all'ombra della struttura del Cluster che sta a simboleggiare i grandi alberi sotto i quali si sviluppano i chicchi di caffè.

    Il percorso si divide in 5 stazioni: dalla terra alla tazzina. Le serre dove il caffè nasce e viene raccolto, il trasporto alle aziende per la tostatura, fino al bar. Nell'area ristoro è possibile gustare il caffè nelle più svariate "tonalità di gusto". L'area eventi ospita incontri e spettacoli offerti dalle nazioni del Cluster. L'area mercato, gestita dal Burundi, Kenya, Ruanda, Etiopia e altri, sarà l'occasione per comprare e provare a casa i diversi tipi di caffè dei paesi produttori.

Le visite guidate e i corsi

Nel fine settimana, l'Università del Caffè di Trieste organizza il corso gratuito di 30 minuti. I docenti guidano gli "alunni-visitatori" alla scoperta delle ricette del caffè, la storia del chicco e di chi lo coltiva. I corsi si svolgono dalla mattina al pomeriggio in italiano e inglese.

    illycaffè, cui è affidata la gestione del Cluster, guida i visitatori alla scoperta del Cluster grazie ai suoi animatori scientifici. Tutti i giorni dalle 13.45 alle 14.30, 16.15 - 17.00, 18.45 - 19.30. E possibile una visita guidata interattiva con visori Epson a realtà aumentata dalle 12.00 alle 12.30, 15.00 - 15.30, 17.30 - 18.00.

Quanto caffè si produce nel mondo?

Brasile e sacchi di caffè

Il maggior produttore di caffè al mondo è il Brasile con l'irraggiungibile cifra di 270 milioni di tonnellate nel 2014. Secondo produttore mondiale è il Vietnam con 1,16 milioni di tonnellate circa. L 'Indonesia è al terzo posto con 634 mila tonnellate.

    La produzione di caffè si estende lungo una fascia del pianeta che parte dall'America Latina (eccetto Cile e Argentina), passa per l'Africa centrale e risale verso l'Asia toccando India, Cina e le piccole nazioni a sud della Cina. E la fascia del pianeta con le condizioni climatiche più favorevoli per la pianta da caffè: zona intertropicale.

    La pianta del caffè è originaria dell'Africa tropicale eppure il maggior produttore al mondo è il Brasile. Mentre i paesi africani risultano essere tra i paesi di più modesta produzione, fatta eccezione per l'Etiopia a quota 370 mila tonnellate nel 2014. Solo unendo le loro produzioni interne, riescono a raggiungere 1 milione di tonnellate annue, poco meno di quanto ne produce il Vietnam da solo, secondo produttore mondiale.(Fonte: DeAgostini Geografia)

L'Organizzazione Internazionale del caffè

L'Organizzazione internazionale del caffè nasce nel 1963 con la firma del primo accordo sul caffè (ICA), stipulato tra paesi produttori e paesi importatori di caffè. La sede si trova a Londra e il primo Direttore esecutivo è stato il Dr. João Oliveira Santos.

    L'ICO rappresenta 40 paesi esportatori e 7 membri importatori. Da tenere presente che l'Unione Europea è considerata come membro unico, in rappresentanza dei 28 stati aderenti.

    Tra i paesi esportatori troviamo il Brasile, l'Angola, Burundi, Kenya, Etiopia, Zimbabwe, Togo, Sierra Leone, Panama, Vietnam, Indonesia e molti altri. Le nazioni importatrici aderenti all'ICO sono: l'Unione Europea, Norvegia, la Federazione Russa, la Svizzera, la Tunisia, la Turchia, gli Stati Uniti d'America.

Video Cluster Caffè

 

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo