Samuel Marchese in handbike da Siracusa a Expo 2015

'La vera forza, quella che davvero può superare tutti gli ostacoli, non è quella fisica ma quella della volontà e caparbietà'

    icona css3menu.com  icona css3menu.com

L'ingresso all'Expo 2015 di Samuel Marchese. Stretta di mano con l'amico Martino Florio. Ad accoglierli numerosi volontari Expo 2015. Samuel e Martino hanno percorso il Decumano scortati dai Volontari. Da Siracusa a Milano in Handbike, in 18 tappe. Samuel e Martino sono partiti il 15 luglio dalla Sicilia. Samuel:'La vera forza, non è quella fisica ma quella della volontà e caparbietà'. Samuel:'Se ci diamo un obiettivo tutti possiamo farcela.'. L'arrivo a Cascina Triulza con il taglio del traguardo. Foto con gli amici di Freedom Angels a Cascina Triulza.

Il 14 agosto 2015, il giovane Samuel Marchese di soli 15 anni, è partito dalla Sicilia per raggiungere Expo Milano 2015 con i suoi amici di sempre. Un viaggio in handbike compiuto con gli amici disabili di Freedom Angels.

    Samuel è partito da Siracusa il 15 luglio con l'amico Martino Florio e il suo cane Freedom. 18 tappe lungo le strade italiane, avendo ben chiaro davanti a se il senso di questa impresa, che possiamo leggere e comprendere dalle sue parole:

    «La vita può sempre essere una gioia anche se si deve affrontare con qualche difficoltà in più: la diversità è davvero l'unica cosa che ci accomuna tutti. Ognuno nella sua diversità può e deve interagire nella società, ma affinché ciò possa realizzarsi è necessario abbattere le barriere (sia architettoniche che mentali), che sono le sole a creare il muro d'isolamento fra noi e gli altri».

    Samuel è giunto all'Expo attraverso l'ingresso riservato ai VIP e alle autorità. Ha percorso tutto il Decumano, scortato da decine di Volontari e Volontarie dell'Expo, che compiono un lavoro straordinario ogni giorno.

    Nella sua impresa Samuel è stato costantemente supportato dai Freedom Angels, persone diversamente abili che hanno viaggiato sulle loro handbike o su tandem per non vedenti, accompagnandolo per brevi tratti.

    L'arrivo a Cascina Triulza, dove era atteso per un incontro con la stampa previsto per le ore 11.30. Qui il giovanissimo atleta siciliano ha rilasciato parole incoraggianti per tutti: «Se ci diamo un obiettivo tutti possiamo farcela. La vera forza, quella che davvero può superare tutti gli ostacoli, non è quella fisica ma quella della volontà e caparbietà». Riguardo al Tema dell'Esposizione Universale ha detto che "il cibo è vita e la vita è gioia. Anche con le difficoltà si può e si deve vivere in maniera positiva". Davvero un esempio positivo per tutti.

    Il viaggio di Samuel è stato reso possibile dalla Regione Lombardia, da Expo 2015 spa, Fondazione Triulza, i blog multiautore di Corriere della Sera, InVisibili e Buone Notizie.

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo