Convegno 'Eventi e sostenibilità: esperienze a confronto'

Quale l'impatto ambientale di sagre, feste di paese, eventi, meeting, concerti? Gli esperti ne parlano all'Expo 2015

    icona css3menu.com    icona css3menu.com

Invito evento


Sviluppumbria, società di sviluppo della Regione Umbria, organizza l'evento dal titolo "Eventi e sostenibilità: esperienze a confronto", che si svolge l'11 settembre alle ore 18.30 presso Cascina Triulza. Un evento per parlare di sostenibilità e impatto ecologico degli eventi. Quale impronta ecologica lasciano convegni, concerti, serate di gala, mostre temporanee, sagre e mercatini?

    Ogni manifestazione produce tonnellate di carta per i cataloghi, gli accrediti, le cartelle stampa, i discorsi dei relatori. Senza dimenticare i quintali di cibo per sfamare i partecipanti, gli ettolitri di bevande e le migliaia di bottigliette d'acqua per dissetarli. Ancora bollette energetiche impazzite a causa dei condizionatori d'aria per riscaldare o raffreddare gli ambienti. Chi partecipa a un evento magari non bada a tutto ciò; un organizzatore di eventi deve tenerne conto, in particolare se organizza un evento legato a tematiche ambientali o se la sua attività ha deciso di sposare un approccio eco-friendly.

Gli organizzatori parlano agli organizzatori di eventi

All'evento partecipano 12 organizzazioni europee (dall'Italia alla Lettonia, dalla Romania alla Spagna, dall'Olanda alla Slovenia), che rappresentano enti locali, istituzioni accademiche e agenzie pubbliche. A partire dal progetto ZEN —Zero Impact Culture heritage event network—, forniranno una serie di linee guida per gli organizzatori di eventi.

    Tra gli enti del progetto c'è Sviluppumbria e Regione Umbria capofila dell'iniziativa. Il progetto ZEN ha l'obiettivo di indagare l'impatto ambientale degli eventi ospitati dalle città e dai territori coinvolti e individuare soluzioni innovative attuali a livello continentale.

    Pensiamo alle programmazioni estive dei comuni, con serate in musica, teatro all'aperto, cabaret, cinema all'aperto ecc. Oppure i grandi meeting nazionali, le feste di organizzazioni e partiti che durano svariati giorni. Quale il loro impatto ambientale? Ci abbiamo mai pensato?

Tutto ciò è utile: lo dice un'indagine

È davvero possibile ridurre l'impatto ambientale di un evento? Come si fa a regolare l'attività di ogni singolo partecipante, affinché adotti buone pratiche ecologiche?

    Un'indagine demoscopica condotta in tutta Europa tra chi ha partecipato a eventi pubblici nel nostro continente, ha dato la risposta ad alcune domande fondamentali.

  • Il 50% degli intervistati sarebbe disposto a pagare un prezzo maggiorato del biglietto se questo potesse contribuire a ridurre l'impatto della manifestazione sull'ambiente;

  • Il 71% potrebbe raggiungere il luogo della manifestazione usando i trasporti pubblici se l'offerta fosse inclusa nel prezzo del biglietto;

  • L'80% avverte di essere personalmente responsabile nel ridurre la quantità di rifiuti prodotti in occasione della partecipazione agli eventi;

  • L'86% farebbe la raccolta differenziata se gli appositi contenitori si trovassero in prossimità dei luoghi della manifestazione;

  • Il 43% ammette di aver cambiato il proprio atteggiamento in seguito ad iniziative e proposte sperimentate durante le stesse manifestazioni.

Programma dell'evento

  • Indirizzi di saluto. Fabio Paparelli, Vice Presidente della Giunta regionale Umbria.
    Mauro Agostini, Direttore Generale Sviluppumbria.

  • Il caso del Festival di Hay. Andy Fryers, Direttore sostenibilità Festival della letteratura di Hay, UK.

  • Gli eventi oltre la sostenibilità. Andres Coca-Stefaniak, Senior lecturer in Gestione eventi, University of Greenwich, UK.

  • Prospettive della cooperazione allo sviluppo sostenibile tra Brasile -DFID (Agenzia cooperazione del Governo inglese) e Italia in vista di Rio 2016. Maria Cristina Sampaio Lopes.

  • Il caso Eurochocolate. Eugenio Guarducci, Presidente Eurochocolate Italia.

  • Expo e sostenibilità. Gloria Zavatta, Responsabile sostenibilità, Expo Milano 2015.

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo