Astana 2017 dice: pronta a raccogliere il testimone di Expo 2015

L'Esposizione Specializzata di Astana parlerà di Energia del Futuro e attende 5 milioni di visitatori

    icona css3menu.com    icona css3menu.com

Città di Astana

Il Kazakistan si appresta ad ospitare Astana 2017. Quanti hanno visitato il Padiglione del Kazakistan a Expo 2015, oppure, lo hanno visto dall'esterno, avranno notato la grande insegna con logo che richiama alla Esposizione Specializzata "Astana Expo 2017".

    La prossima Esposizione autorizzata dal BIE, la più vicina temporalmente a Expo Milano 2015 e quella che in qualche modo raccoglie il testimone, anche se non si tratta di una Esposizione Universale.

    Il 21 ottobre, durante una conferenza stampa avvenuta presso il Padiglione del paese kazako a Expo Milano 2015, gli organizzatori si sono detti pronti. Il Commissario Generale del Padiglione e managing director di Astana Expo 2015, compagnia statale creata appositamente per la gestione dell'evento, ha dichiarato: «Allo stato attuale, abbiamo ultimato il 50% dei lavori di costruzione e abbiamo ricevuto 48 adesioni dei Paesi partecipanti».

Quando si svolge e il tema Astana 2017

Astana 2017 è prevista dal 10 giugno al 10 settembre 2017 e sarà dedicata all'energia del futuro. Attese 100 nazioni partecipanti e 5 milioni di visitatori. Il sito espositivo è situato in una zona centrale della citta kazaka, avrà una superficie totale di 174 ettari. Struttura architettonica centrale, il Padiglione Kazakistan, da 80 metri di diametro a forma di sfera, promette di essere l'edificio più grande al mondo del suo genere.

    La fine dei lavori è programmata per dicembre 2016, con 6 mesi di anticipo rispetto all'apertura. Un ampio margine di tempo, per assorbire eventuali ritardi nelle consegne dei lavori. A differenza di Expo Milano, essendo Astana 2017 una Esposizione Specializzata, il 90% delle costruzioni saranno permanenti. Gli appalti sono già stati affidati ad aziende locali e l'intera area sarà convertita in centro internazionale della finanza.

    "Future Energy" il tema di Astana 2017, i cui contenuti tematici saranno concentrati nei quattro padiglioni collocati nei pressi del Padiglione Kazakistan. Queste aree forniranno spazi di riflessione circa i vari aspetti dell'energia, a partire dalle innovazioni tecnologiche del momento, le fonti rinnovabili e anche il delicato tema della sicurezza energetica, che rischia di mettere in condizioni di sudditanza molte nazioni del mondo prive di risorse energetiche autonome.

    Il commissario Anuarbek Mussin ha spiegato perché il Kazakistan ha scelto di parlare di questo tema: «Nonostante il Kazakistan sia ricco di risorse energetiche tradizionali, come il petrolio o il gas, un giorno finiranno e crediamo che sia meglio cominciare a pensare al futuro. Vogliamo preservare l'eredità dell'Expo 2017 trasformando Astana in un hub dell'energia del futuro».

    Infine, riguardo alla partecipazione dell'Italia Mussin ha dichiarato: «Crediamo che l'Italia parteciperà ad Astana 2017 e anche il premier Matteo Renzi l'ha confermato in occasione del suo incontro con il presidente Nursultan Nazarbayev a Expo Milano 2015 qualche mese fa. La collaborazione tra le due Esposizioni, che era iniziata nel febbraio del 2015, è stata molto efficace per quanto riguarda lo scambio delle conoscenze. Abbiamo raccolto l'esperienza dell'Italia su quelli che sono stati i punti forti dell'evento, ossia l'organizzazione e gli operations».

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo