Confronto internazionale su salute e cibo a Expo 2015

Due giorni di convegno su dieta mediterranea, allattamento, sport e corretta comunicazione

    icona css3menu.com    icona css3menu.com

ragazza mangia mela
Foto Pixabay.com

Expo Milano 2015 è ancora teatro di importanti incontri mondiali anche se a poche ore dalla chiusura. Il 28 ottobre si è svolta la giornata conclusiva della due giorni di riflessione sui temi della nutrizione e della sicurezza alimentare, voluto dal Ministero della Salute italiano. Un evento svoltosi presso l'Auditorium di Palazzo Italia, coinvolgendo 20 Ministri della Salute, 40 delegazioni in rappresentanza del mondo intero: Argentina, Egitto, Afghanistan, Tanzania, Sri Lanka e Bulgaria e tante altre nazioni.

    Un confronto internazionale ai massimi livelli, in cui sono stati numerosi gli spunti di riflessione offerti, a partire dagli argomenti recentemente affrontati dalla Seconda Conferenza Internazionale sulla nutrizione, organizzata a Roma dalla FAO e dalla Organizzazione mondiale della Sanità. Argomenti che sono anche al centro della Carta di Milano, il lascito di Expo Milano 2015 per il futuro dell'alimentazione mondiale a 360°.

Dieta mediterranea e lotta allo spreco

«L'Esposizione Universale è stata un evento straordinario per la condivisione di queste tematiche — ha commentato il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin —; una vetrina mondiale dai contenuti e dalle idee di altissima qualità per aumentare l'educazione alla sostenibilità e alla tutela del nostro ambiente».

    Il convegno è stato l'occasione per ministri e responsabili nazionali di salute e alimentazione, per parlare di Dieta mediterranea come stile di vita sano. Si è messo al centro la lotta allo spreco alimentare come giustizia per i popoli che non ne hanno. Toccati anche temi specifici come l'allattamento al seno e di corretta informazione. Se si parla di cibo e salute, si parla anche di sport, un collante perfetto tra le due sfere della vita di ogni essere umano.

    Ogni argomento è stato affrontato alla luce delle strategie comuni adottate a livello mondiale ed europeo. Sono stati condivisi gli stili nutrizionali più diffusi e in via di affermazione. Condivisi anche i risultati forniti dal mondo della ricerca. Molto utili poi, i consigli forniti ai politici, dai professionisti del settore.

Nuove strategie da adottare

Importante per una strategia vincente, la comunicazione equilibrata e poi la prevenzione, a rimarcarlo il Ministro Lorenzin: «Le istituzioni devono essere molto attente ad informare i cittadini, evitando inutili allarmismi. Una comunicazione distorta crea paura e noi non dobbiamo creare paura, ma consapevolezza. La sfida è non far ammalare i cittadini. E questo può avvenire solo tramite una prevenzione costante ed accurata. Ambiente, nutrizione e produzione: sono queste le parole chiave per andare nella giusta direzione».



    Al termine del convegno internazionale, tutti i Ministri e delegati, si sono recati presso Palazzo Italia, per firmare la Carta di Milano, come segno di impegno riguardo i temi dell'alimentazione e il futuro dell'umanità.

    Nella stessa giornata, il Ministero della Salute e il Ministro Lorenzin, sono stati attori di un importante incontro con le associazioni delle industrie italiane del settore alimentare. Incontro in cui sono stati firmati due importanti protocolli di autoregolamentazione dedicati alla corretta alimentazione dei minori.

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo