'Patch for Future': premiati gli alunni vincitori al Padiglione KIP

Un concorso cui hanno partecipato 1600 alunni italiani per sensibilizzarli sugli obiettivi del Millennio

    icona css3menu.com    icona css3menu.com

Giardino Kip ONU

Fondazione Symbola e Kip International School, hanno premiato il 24 ottobre scorso le scuole e gli alunni del concorso "Patch for Future". La premiazione è avvenuta in serata presso il Padiglione Kip a Expo Milano 2015.

    5 mila i partecipanti da tutto il mondo e oltre 1600 gli alunni italiani di 100 classi in rappresentanza di 14 Regioni. Patch for Future è un concorso ideato per sensibilizzare sugli obiettivi del Millennio indicati dall'ONU e riservato alle scuole italiane.

    Il progetto parte ispirandosi a un'attività artigianale antica, il patchwork. Ovvero la condivisione solidale di pezze per realizzare coperte utili a proteggersi dalle intemperie. L'attività artigianale si è tradotta su quadrati di stoffa, ognuna contenente una idea e una speranza per il domani della comunità globale presente a Expo 2015 e oltre. L'intento, salvaguardare le sorti del Mondo insieme.

I vincitori

Madrina della premiazione è stata l'attrice Clarissa Burt, accompagnata dall'artista Howtan Re, ideatore del progetto. Con loro Fosca Nomis di Expo, Franco Pasquali e Domenico Sturabotti di Fondazione Symbola e Luciano Carrino di KIP International School.

    Questi i premiati delle scuole: Prima classificata l'intera classe 4aA dell’Istituto Pascoli-Alvaro di Siderno (RC); seconda classificata Mendi Valeri della classe 4aA dell’Istituto per le scienze umane “S. Rosa” di Viterbo; terzo classificato Ismail Khadim, della classe 2aC della scuola media statale “A. Migliavacca” di Vobarno – Brescia.

Inaugurazione dell'Opera The Globe

Al termine della premiazione, i Giardini dell'ONU antistanti il padiglione KIP, sono diventati il luogo del prosieguo della festa. Nei Giardini è stata inaugurata l'opera The Globe dell'artista Howtan Re. Un'opera collettiva, cui hanno partecipato oltre 5 mila visitatori, esprimendo la propria idea su pezzi di stoffa, con cui l'opera è stata realizzata. Un'opera che ha raccolto, speranze, aspirazioni e riflessioni di tanti cittadini del mondo.

    L'opera d'arte dopo la chiusura di Expo Milano 2015 sarà donata alle Nazioni Unite. L'evento avverrà a Roma presso la sede della FAO. Una cerimonia solenne, un lascito della campagna Patch for Future, che attraverso arte e creatività ha voluto contribuire a far conoscere e sensibilizzare i cittadini, sui temi fondamentali degli obiettivi del Millennio.

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo