Expo Milano 2015 s.p.a. è una società in liquidazione. Il punto sulla situazione attuale

Expo 2015 presenta il bilancio in attivo e cede i terreni alla Arexpo spa per il Fast Post Expo

Ripercorriamo le ultime tappe della società Expo 2015 spa, come in un diario degli ultimi eventi accaduti.

    icona css3menu.com    icona css3menu.com


Foto Expo 2015/Daniele Mascolo.

Senza entrare nel 'complicatichese' delle leggi, norme, programmi quadro e decreti ministeriali approvati appositamente per Expo Milano 2015, proviamo a fare il punto. Vediamo come stanno le cose ad oggi.

Expo Milano 2015 s.p.a. ha esaurito il suo compito. Ha compiuto la missione per la quale era nata: realizzare l'Esposizione Universale di Milano 2015. Ora è stata messa in liquidazione e sono all'opera i liquidatori, che si occuperanno di vendere il patrimonio mobiliare e immobiliare della società e di riscuotere i crediti ancora pendenti.

In un precedente articolo avevamo informato circa i primi risultati di bilancio di Expo Milano 2015, in cui risultavano 14 milioni di Euro in attivo. Dato che si riferiva a un comunicato stampa del 18 gennaio 2016. Partiamo da quel comunicato per vedere a che punto è la chiusura dell'esperienza Expo 2015. Procediamo per date, come in un breve diario.

18 febbraio 2016

Expo Milano 2015 spa è ufficialmente una società in liquidazione e la sua gestione passa nelle mani dei liquidatori. Giuseppe Sala non è più l'Amministratore Unico delegato dal Governo.

14 aprile 2016

A dicembre 2015 il sindaco di Milano ha avviato formalmente la procedura di definizione dell'Atto Integrativo all'Accordo di Programma, per dare l'avvio alla fase post Expo. Il 14 aprile 2016 il Collegio di Vigilanza di Expo 2015 ha approvato il testo dell'Atto Integrativo, riguardante appunto il futuro dell'area ex Expo 2015.

20-21 aprile 2016

In anticipo rispetto ai tempi previsti, il Sito espositivo passa dalla società Expo 2015 spa alla Arexpo spa. Il passaggio era previsto per il 30 giugno 2016; l'anticipazione all'1 maggio 2016 è stata favorita per consentire ad Arexpo di velocizzare i tempi di attuazione del Fast Post Expo.

Arexpo è ufficialmente la società responsabile dell'area e anche delle ultime fasi di demolizione dei padiglioni.

Inoltre Arexpo corrisponderà svariati milioni di Euro a Expo 2015 per i beni immobili costruiti nell'area e di proprietà di quest'ultima.

28 aprile 2016

Il 28 aprile viene comunicato il bilancio definitivo della società Expo Milano 2015 spa. Società partecipata per il 40% dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, il 20% dalla Regione Lombardia, il 20% dal Comune di Milano, il 10% dalla Città Metropolitana di Milano, il 10% dalla Camera di Commercio di Milano (fonte: "Nota integrativa alla situazione dei conti pre-liquidatoria con integrazione dei fatti successivi").

In questa data è stata presentata la relazione finale della gestione di Expo 2015. Una relazione corposa che ripercorre tutta l'esperienza Expo 2015 dello scorso anno. I traguardi raggiunti, il successo di pubblico. Il successo dei progetti promossi come ad esempio We Women For Expo. La relazione affronta anche i guai giudiziari che in questi anni hanno coinvolto la società e imbrattato il buon nome dell'Italia all'estero.

Dal bilancio presentato Expo Milano 2015 spa risulta in attivo di 23 milioni di Euro al 18 febbraio 2016.

29 aprile 2016

Presso la Camera di Commercio di Milano, si riunisce l'assemblea dei soci di Expo 2015 spa in liquidazione.

La riunione è servita per fare il punto su quanto avvenuto fino alla fine di aprile. Il Collegio dei Liquidatori si è dato 60 giorni di tempo per redigere e presentare il progetto di liquidazione, il quale includerà il recupero dei crediti non ancora pagati da terzi, e si occuperà del personale ancora in attività e del loro futuro lavorativo come previsto dalla legge 223/91.

27-28 maggio 2016

L'Assemblea dei soci di Expo 2015 spa in liquidazione, si riunisce in doppia seduta per approvare il bilancio di esercizio del 2015. L'Assemblea si è riunita presso la Camera di Commercio di Milano.

31 maggio 2016

Viene presentato un avviso d'asta pubblica per la vendita di beni mobili. Si tratta dei bidoncini usati per la raccolta differenziata durante i 6 mesi di eventi. La società Expo 2015 vende i contenitori per recuperare la somma spesa per l'acquisto. Le offerte possono essere presentate fino alle ore 12.00 del 27/6/2016.

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo