In giro per il mondo, ma... i pasti in famiglia! Anche a Milano

L'esperienza di Guy Michlin, israeliano, fondatore di Eatwith

    icona css3menu.com  icona css3menu.com
cuoca di Eatwith


Guy Michlin è amante dei viaggi come tanti giovani del pianeta. Una sera del 2010, racconta, si trovava a Creta ospite per la cena a casa di una famiglia del posto. Arrivato lì grazie al passa parola degli amici. Molti viaggiatori avranno vissuto un'esperienza simile. Famiglie in giro per il mondo, che danno ospitalità ai giovani, ce ne sono tante.

    A Guy, quell'esperienza tocca una corda nascosta del cervello. Quella corda che fa scoccare una scintilla: chi ha provato questa esperienza lo sa. Perché non far diventare l'accoglienza ai pasti, delle famiglie sparse per il mondo, un'occasione di lavoro. Unire insieme, l'accoglienza e la socialità con la cultura culinaria del posto. Nasce Eatwith: "mangia con" potremmo tradurlo in italiano.
    Sono trascorsi all'incirca quattro anni e ora, Eatwith, grazie agli spazi infiniti della rete, è diventata una realtà in 150 città del mondo.

Eatwith nel mondo e in Italia

Solitamente, scrive Guy Michlin sul suo sito, i turisti visitano musei e luoghi di cultura di una città. Non entrano in contatto vero con la popolazione, non fanno vera esperienza culturale del posto. Entrare negli spazi privati di una famiglia e condividere il momento del pasto con loro, permette quell'esperienza che cambia il senso del viaggio: lo rende pieno e vivo, lasciando una traccia indelebile nel cuore e nella mente.
    L'esperienza di Guy, diventa un'idea commerciale con un sito e tante persone di molte città del mondo che credono nel progetto. L'Europa è il continente dove Eatwith è maggiormente rappresentato, seguono il Medio Oriente, l'Asia, le Americhe e l'Africa: Buenos Aires, Vienna, Rio, Berlino, Tokyo, Oslo, Salamanca, Siviglia, Valencia, Zurigo, Londra.
    E l'Italia? Contende il primato delle città ospitali con la Spagna: Agrigento, Borgomanero, Giulianova, Roma, Scorrano, Milano, insieme ad altre.

Mangiare in viaggio durante Expo 2015

Come funziona Eatwith

La squadra di Eatwith, seleziona gli aspiranti chef della cucina locale ed etnica, attraverso una fase di formazione con cuochi di alto livello internazionale: molti di essi hanno la stella Michelin sul petto. Infatti solo il 4% degli aspiranti home cooks, superano le selezioni.
    Una volta scelto, il "nostro cuoco di casa" è libero di creare il suo menu fatto di pietanze locali. Userà prodotti freschi e a chilometro zero, per preparare un pranzo personalizzato.
    Le date dei pasti sono organizzati dai padroni di casa. Sul sito, scegliendo la nazione o la città, troviamo le varie offerte disponibili, compreso il prezzo. Tutto molto chiaramente esposto, potremo scegliere tra le date messe a disposizione e comunicare il numero dei partecipanti.
    A Milano ci sono 5 cucine tra le quali scegliere. I prezzi vanno dai 24€ ai 57€, in base a tanti fattori: cucina proposta, piatti, portate previste, ecc.
    Per i viaggiatori appassionati di scoperte culinarie, il sito è www.eatwith.com. Disponibile in lingua inglese e spagnolo.

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo