National Day dell'Isola più felice del mondo: Vanuatu

I Futuna Fatuana.

Fotografie National Day Isole Vanuatu Expo Milano 2015. Foto Expo 2015/Daniele Mascolo e Mourad Balti. I Futuna suonano anche le conchiglie del Pacifico. Il gruppo folcloristico delle isole Vanuatu Futuna Fatuana. La Parata delle Isole Vanuatu per il Decumano. Il gruppo Futuna Fatuana in posa davanti il Padiglione delle Vanuatu. Commissario Generale Expo 2015 Bruno Pasquino al National Day Vanuatu. Il Segretario particolare del vice Primo Ministro di Vanuatu Stephen Derek French. Visita a Palazzo Italia della delegazione di Vanuatu. Mr Stephen Derek French firma la Carta di Milano. Stretta di mano tra Segretario particolare del Vice Primo Ministro Vanuatu e Segretario Padiglione Italia Fabrizio Grillo. Firma del libro d'onore a Palazzo Italia da parte di Mr Stephen Derek French isole Vanuatu.
    icona css3menu.com    icona css3menu.com

Vanuatu soffre dei cambiamenti climatici nel Pacifico

Vanuatu, una piccola Isola nell'Oceano Pacifico, un luogo felice dove vivere, purtroppo minacciato dai cambiamenti climatici.

    Ad aprire la cerimonia del National Day Vanuatu, la voce potente del gruppo Monument Singers, che ha intonato l'inno nazionale durante la cerimonia dell'alzabandiera. Una cerimonia vivace, animata anche dal gruppo folcloristico Futuna Fatuana, che ha accolto la delegazione di Vanuatu con la danza "Haka" all'Expo Centre. Chitarre, tamburi, ma anche conchiglie e bottiglie, usate come strumenti musicali.

    Ad accogliere la delegazione di Vanuatu il Commissario Generale Expo 2015 Bruno Pasquino, che a proposito della partecipazione della piccola isola ha commentato: «La vostra partecipazione a Expo Milano 2015 mostra la volontà della popolazione di Vanuatu di riprendersi dopo il ciclone tropicale che a marzo ha distrutto tantissime case e ha ucciso molte persone. In questo contesto l'Italia è molto impegnata a fornire aiuti umanitari nel segno della solidarietà alla popolazione di Vanuatu».

    Per le isole Vanuatu è giunto a Milano il Segretario particolare del vice Primo Ministro di Vanuatu Stephen Derek French. «A livello internazionale — ha esordito Mr French — le nostre isole sono riconosciute come 'il posto più felice del mondo'. Come dice il tema che abbiamo scelto, 'La scelta del biologico per una vita migliore - Vanuatu', l'uso di sostanze chimiche nell'industria del nostro Paese è minimo. Il tema di Expo Milano 2015 significa molto per Vanuatu ed è fondamentale per tutta l'umanità. Noi siamo una piccola nazione dell'Oceano Pacifico e dobbiamo affrontare soprattutto la sfida del cambiamento climatico che ci sta influenzando tantissimo».

    Una semplice ma viva sfilata sul Decumano, ha accompagnato le autorità presenti verso il Padiglione Vanuatu, posto nel Cluster delle Spezie. Dopo la visita presso il Padiglione Nazionale, Mr French e il resto della delegazione hanno visitato Palazzo Italia, dove Stephen Derek French ha firmato la Carta di Milano in rappresentanza della sua Nazione.

Vanuatu in breve

Vanuatu è un arcipelago posto a nord est rispetto all'Australia, in pieno Oceano Pacifico. Ufficialmente lo Stato è una Repubblica. 250 mila abitanti abitano le varie isole di origine, in parte, vulcanica. Il Manaro è il vulcano dell'isola Aoba che più frequentemente fa sentire la sua attività ai residenti. La Capitale è Port Vila con appena 44 mila abitanti. La popolazione è molto giovane e si parla il francese e la lingua locale bislama, entrambe ufficiali.

    Il turismo è la fonte principale per il sostentamento dell'economia locale, come dimostra anche il bel sito Vanuatu Tourism, completo e traducibile in tutte le lingue. L'agricoltura commerciale per esportazione, produce copra, cacao, olio di palma, caffè. L'industria si occupa di oli, di tipo vegetale e di copra.

    Una vita ai confini del mondo. Un paesaggio straordinario, da custodire. Un messaggio da lanciare principalmente ai turisti che in quelle isole vanno a trascorrere le loro vacanze. È impegno di questi ultimi, non deturpare il clima, non sprecare energia, perché su un'isola non è come in città.

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo