Segretario di Stato USA John Kerry visita Expo 2015

John Kerry al Food 2.0

Segretario di Stato USA visita Expo 2015. Foto Expo 2015/Daniele Mascolo. Commissario Unico Giusepe Sala accoglie e saluta John Kerry a Expo Milano 2015. John Kerry a Palazzo Italia. Diana Bracco accoglie John Kerry a Palazzo Italia. John Kerry con i giovani volontari del Padiglione American Food 2.0. Il Segreetario di Stato degli Stati Uniti Kerry presso il Padiglione USA. Il Ministro agli Affari esteri Paolo Gentiloni saluta il Segretario di Stato John Kerry. L'ex Presidente del Consiglio Mario Monti accanto al Presidente Regione Lombardia Roberto Maroni. John Kerry arriva all'Expo Centre con il ministro Gentiloni. Il Segretario di Stato John Kerry a Milano presso l'Esposizione Universale. Tutta l'energia del Segretario Kerry espressa in questo gesto. Giuseppe Sala ricorda gli oltre 5 milioni di visitatori al Padiglione American Food 2.0. Il Ministro Paolo Gentiloni ricorda gli impegni dell'Agenda 2030 approvata all'ONU. Durante il suo discorso John Kerry pone al centro la questione del cibo per tutti. Kerry sprona tutti gli Stati ad essere creativi e flessibili nell'affrontare i problemi. John Kerry ribadisce l'impegno USA nella lotta alla fame e ai cambiamenti climatici. Leonardo Da Vinci resterebbe ammirato visitando l'Expo 2015 afferma Kerry. Expo Milano 2015 accoglie il Segretario di Stato USA John Kerry. La visita a Palazzo Italia. Tutti restano affascinati dall'esposizione del nostro Palazzo Italia. Nelle immagini che scorrono lungo le pareti, le bellezze artistiche e paesaggistiche dell'Italia. John Kerry saluta dalla balconata del Padiglione USA Food 2.0. Si può affermare essere stata la giornata di John Kerry, all'Expo 2015, il 17 ottobre.
    icona css3menu.com    icona css3menu.com

Anche a Leonardo da Vinci piacerebbe molto Expo 2015

Il Segretario di Stato John Kerry non è certo Obama, uno dei grandi leader e tra i pochi, che ha fatto notare la sua assenza all'Expo Milano 2015, ma John Kerry è sicuramente il numero due degli USA. Il 17 ottobre si può dire essere stata la sua giornata all'Esposizione Universale di Milano, eclissando un poco il National Day del Vietnam: tra i padiglioni più interessanti dell'Expo.

    La sua prima battuta è stata: «Un genio come Leonardo da Vinci avrebbe ammirato tantissimo questa Esposizione Universale». Il Segretario di Stato Kerry ha saputo conquistare tutti per la sua misurata disponibilità ed energica simpatia americana. Presso il Padiglione degli Stati Uniti American Food 2.0, dove si è recato nel pomeriggio —non prima di aver visitato Palazzo Italia accolto dal Presidente Expo 2015 Diana Bracco —, ha dispensato saluti dalla balconata a quanti lo salutavano. Non è mancata una foto ricordo con tutti i giovani studenti e volontari del padiglione USA che, in qualità di ambasciatori del Paese, vivono questa magnifica esperienza a Milano, all'Expo 2015.

    Ad accoglierlo naturalmente il Commissario Unico Expo 2015 Giuseppe Sala, il Ministro agli Affari Esteri Paolo Gentiloni, il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni. Tra gli ospiti anche l'ex Presidente del Consiglio Mario Monti, Letizia Moratti ed Emma Marcegaglia.

Le parole di John Kerry all'Expo 2015

Il discorso si è incentrato naturalmente sul tema del cibo, sano e sufficiente per tutti, guardando al futuro e alle prossime generazioni. «Dobbiamo imparare a gestire meglio il cibo che abbiamo» e in questo gli USA vogliono essere protagonisti, nell'apportare cambiamenti concreti e positivi a livello mondiale. In riferimento al clima, poi, Kerry ricorda quanto i disastri naturali influiscano negativamente sulla sicurezza alimentare, ed anche su questo versante rassicura sull'impegno degli Stati Uniti a lavorare con l'Italia per trovare soluzioni condivise.

    Il Segretario Kerry è consapevole dell'urgenza dei problemi ed esorta «tutte le nazioni ad impegnarsi e unirsi per intervenire velocemente. È necessario essere più creativi ed essere più flessibili solo così secondo Kerry — possiamo far fronte al problema della malnutrizione e della fame, provando, tutti insieme a sconfiggerlo».

Padiglione USA: 5 milioni di visite

Il Commissario Unico Giuseppe Sala ha messo in evidenza lo straordinario interesse di pubblico nei confronti del Padiglione USA: «La presenza degli Stati Uniti a Expo Milano 2015 è un grande successo, visto che le visite al Padiglione americano hanno superato i cinque milioni».

    Ricordando la giornata del 16 ottobre e le importanti tematiche toccate da Expo 2015, Sala ha aggiunto: «Ieri, (16 ottobre, nda) in occasione del World Food Day abbiamo ospitato il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, nei mesi scorsi Michelle Obama e il Segretario americano dell'Agricoltura, Tom Vilsack e oggi è un grande onore avere qui John Kerry».

Centralità della sicurezza alimentare

A nome del Governo italiano ha preso la parola il Ministro Gentiloni, il quale ha messo in risalto l'importanza della presenza statunitense per i problemi alimentari e climatici del pianeta: «La presenza americana qui conferma la centralità della sicurezza alimentare e dei cambiamenti climatici, che poi sono il cuore di Expo Milano 2015. Speriamo che la nuova agenda delle Nazioni Unite su queste tematiche possa sensibilizzare tutta la comunità internazionale affinché si arrivi a vincere la sfida contro la fame entro il 2030».

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo