Testimone a Dubai 2020. Foto: National Day Emirati Arabi Expo 2015

Parata sul Decumano

Affascinante ingresso al Padiglione Emirati Arabi Uniti. Foto Expo 2015/Daniele Mascolo, Mourad Balti. Il Ministro Reem Al Hashimi all'Expo Centre. Shaimaa Al-Mogeri durante il suo show con la sabbia. Shaimaa Al-Mogeri artista emiratina. Save the date: 20 ottobre 2020. Expo Dubai. Bandiere degli Emirati Arabi sul Decumano. La lunga parata degli EAU per il National Day Expo 2015. Foto delle delegazioni al completo presso Padiglione Emirati Arabi Uniti a Expo 2015. Il Ministro Al Hashimi nel padiglione degli Emirati Arabi. Esposizione delle arti tessili arabe nell'oasi ricreata presso l'Open Plaza. Gli Emirati Arabi Uniti hanno ricreato un'Oasi in occasione del national Day Expo 2015. Questi uomini lavorano a mano per creare gli intrecci del cesto arabo. Donne al lavoro nel villaggio arabo ricreato a Expo 2015. Commissario Expo 2015 Giusepppe Sala e il Ministro Federica Guidi. La giovane ministro Reem Al Hashimi è anche la manager di Dubai 2020. Alcune donne emiratine scattono foto con i cellulari. In una foto sola cultura araba e tecnologia moderna. Parata degli Emirati Arabi Uniti lungo il Decumano. La cultura araba emiratina fornisce alla donna un ruolo di primo piano nella società. Dalla sfilata degli EAU a Expo Milano 2015, il 20 ottobre. Una parata in grande stile accompagnata anche dai tamburi. Dubai 2020 attende 25 milioni di persone. Gli Emirati Arabi Uniti sono il primo Paese del Medio Oriente a ospitare una Expo. Grande festa a 5 anni da Expo Dubai 2020. Stendardi a forma di vela hanno colorato il Decumano. L'arrivo in Piazza Italia della Parata per lo spettacolo arabo. Le bandiere degli Emirati Arabi hanno preso il sopravvento a Expo 2015. Ingresso laterale del Padiglione EAU Expo 2015. Siamo all'ingresso principale del Padiglione Emirati Arabi Uniti. Emirati Arabi Uniti Expo Milano 2015. Una bella foto scattata all'ingresso del Padiglione Emirati Arabi Uniti. Gioco prospettico con l'installazione artistica alle spalle dei delegati. Datteri. Foto a Palazzo Italia della delegazione emiratina. Il Ministro Reem Al Hashimi mentre firma il guest book a Palazzo Italia. In primo piano i doni del Governo emiratino a Diana Bracco Presidente Expo 2015. Stretta di mano tra Diana Bracco e Reem Al Hashimi. Il ministro per lo sviluppo economico Federica Guidi.
    icona css3menu.com    icona css3menu.com

Expo Milano 2015 si è assicurata un posto nella storia... Oppure, è ancora da scrivere

Expo Milano 2015 non è ancora terminato e ancora di più non sappiamo quale sarà il suo lascito immateriale. Eppure è già il momento di cedere il testimone alla nazione che prepara la prossima Esposizione Universale del 2020.

    Il 20 ottobre è il National Day degli Emirati Arabi Uniti, un giorno speciale per il Paese arabo, perché tra 5 anni esatti daranno il via alla loro Esposizione, a Expo Dubai 2020. A raccogliere il testimone, il Ministro di Stato e Direttore Generale del Bureau Dubai 2020, Reem Al Hashimi: «Expo Milano 2015 si sta avvicinando alla chiusura ed è un onore volgere lo sguardo al futuro, al 2020. La prossima Esposizione Universale aprirà infatti esattamente tra cinque anni a partire da oggi».

    La prossima Esposizione Universale ha per tema "Connettere le menti, Creare il futuro". L'artista emiratina Shaimaa Al-Mogeri, ha invitato tutti a Dubai scrivendolo con la sabbia: "Save the date: 20 ottobre 2020". Poi si è esibita in un affascinante show artistico, dove la sabbia è stata la protagonista di quadri magici.

Expo 2015 ha un posto nella storia

L'Esposizione di Milano è già nella storia, lo afferma il ministro Al Hashimi nel suo discorso di apertura: «Expo Milano 2015 si è assicurata un posto importante nei libri di storia e il suo tema ha lasciato un'eredità tangibile e di grande valore con la Carta di Milano. L'Esposizione Universale ci ha dato l'opportunità di aprire le porte della nostra nazione e dimostrare chi siamo. Spero abbiamo saputo trasmettere ai visitatori l'essenza di una nazione giovane, capace, dinamica, ricca di entusiasmo e di determinazione. Siamo orgogliosi del nostro passato, siamo fiduciosi per il futuro, lavoriamo duramente per il presente insieme ad altre nazioni nel tentativo di assicurare una vita migliore e di pace».

    E mentre Dubai 2020 ha tutta una storia ancora da scrivere, Expo 2015 deve terminare la sua il 31 ottobre. Un termine improrogabile, che però non potrà non lasciare qualche frutto positivo qua e là. Non andrà neanche lasciato marcire alla pioggia autunnale. Expo 2015 apre l'Italia a nuove prospettive, per noi stessi e per il mondo intero. Sta a noi. Sta a noi non chiudere questa grande esperienza già in un libro e consegnarla ai posteri, come i sei mesi dell'Expo di Milano e basta.

Le delegazioni

La delegazione emiratina era composta anche da Sultan Al Jaber Ministro e Presidente di Masdar, compagnia specializzata in energia rinnovabile; da Sultan bin Saeed Al Mansoori, Ministro dell'Economia; da Saqer Nasser Ahmed Abdullah Alraisi Ambasciatore in Italia.

    La delegazione italiana era composta dal Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, dal Commissario Unico Expo 2015 Giuseppe Sala e dal Commissario Generale Expo 2015 Bruno Pasquino.

    «Il Padiglione degli Emirati Arabi Uniti è davvero impressionante, con una forma originale e un design unico — ha affermato il Ministro Guidi —. Ci permette di pensare alle problematiche interconnesse della terra, dell'alimentazione, dell'energia e dell'acqua e presenta le soluzioni più avanzate che gli Emirati Arabi Uniti hanno sviluppato in questi settori. Voglio esprimere il mio ringraziamento per la vostra decisione di tramandare l'esperienza di Milano Expo 2015, riassemblando il Padiglione ad Abu Dhabi per trasformarlo in un hub per società di energie rinnovabili. Speriamo che l'esperienza di Milano possa essere d'aiuto al vostro Paese, nello sforzo di preparare un evento di successo».

freccia su

 

Facebook NewsExpo   Google+ NewsExpo   NewsExpo

Youtube account Delicious account
WE-Women for Expo